Torrone Made in Italy: tutte le varianti più famose

Quando mandorle, nocciole, noci o pistacchi incontrano miele, zucchero e albume d’uovo nasce uno dei migliori prodotti dolciari italiani: il torrone. Produttori italiani, da nord a sud della Penisola, trasformano questi pochi ingredienti in questi classici dolci natalizi. 

La parola torrone sembra derivare dai verbi latini “torrere”, ossia tostare, o “torreo”, ossia abbrustolire, che farebbero riferimento alla prima fase di lavorazione del torrone, ovvero la tostatura delle nocciole e delle mandorle. Dal Piemonte alle Marche, dalla Sardegna alla Lombardia, passando per Veneto e Campania, sono tante le varianti esistenti. Ecco una panoramica delle più famose varianti di torroni italiani.


Torrone Piemontese
torrone piemontese


Il torrone piemontese beneficia della presenza della nocciola Tonda Gentile delle Langhe, Nocciola Piemonte Igp, una qualità di nocciola che più di ogni altra fornisce sapore e profumo al torrone. Questo prodotto è asciutto al tatto, friabile al taglio e tenace alla masticazione, con un dolce aroma di miele. 

Scopri il torrone friabile con nocciole di Sebaste


Torrone classico o di Cremona
torrone classico di cremona


Il torrone di Cremona è la variante classica del dolce tradizionale. La sua preparazione prevede l’aggiunta di aromi come vanillina e canditi, che rendono più morbido il composto. Nasce il 25 ottobre del 1441 in occasione del matrimonio di Maria Visconti e Francesco Sforza. In tal giorno venne preparato e servito con la forma dell’alta torre della città, il Torrione (ora chiamata Torrazzo), da cui potrebbe derivare il nome Torrone.

Scopri il torrone classico friabile alla mandorla di Rivoltini


Mandorlato di Cologna

mandorlato di cologna


Il mandorlato è un dolce tipico della zona di Cologna Veneta, in provincia di Verona. Come possiamo evincere dal nome, la principale differenza che caratterizza questa variante del torrone è la presenza delle mandorle come unico protagonista. La ricetta originale sembra risalire al XIII sec. ai tempi della signoria degli Scaligeri a Verona.


Torrone di Camerino
torrone di camerino


Il torrone di Camerino è friabile, dal colore tipico del miele millefiori, caratterizzato dall’abbondanza di mandorle e per la sua friabilità. La proporzione di zucchero e miele è di 1:1, mentre le mandorle sono circa il 60% della quantità del miele.


Torrone del Papa
torrone del papa


Il torrone del Papa viene prodotto ad Agnone, in provincia di Isernia. Questo dolce si presenta come barrette di mandorle ricoperte con cioccolato talvolta aromatizzato.


Torrone di Guardiagrele
torrone di guardiagrele


Questo dolce è molto simile ad un croccante. È composto da mandorle intere tostate, zucchero, frutta candita e cannella. Compatto, di colore scuro e non eccessivamente dolce, questo torrone era il preferito dello scrittore Ignazio Silone.


Torroncino di Alvito
torrone di alvito


Questi piccoli torroni, di forma rettangolare, sono prodotti in tre tipologie: classico, pasta reale e croccantino. In ogni versione conservano alcune delle caratteristiche li rendono inimitabili: la soffice pasta reale al sapore di mandorla, e la copertura a base di cioccolato finissimo.


Croccantino di San Marco
croccantino di san marco


Prodotto a San Marco dei Cavoti, in provincia di Benevento, il Croccantino di San Marco è molto croccante e ricoperto di cioccolato fondente. È una variante del torrone classico di mandorle e nocciole miste, in cui la quota di frutta supera quella del miele donandogli un aspetto più compatto.


Torrone di Bagnara IGP
torrone di bagnara igp


È un dolce tipico della tradizione calabrese, a seconda della copertura, che può essere di zucchero caramellato che cristallizza in superficie o di cacao amaro, si distingue nelle due varietà Martiniana o Torrefatto glassato. La sua particolarità è l’assenza di albume.


Cubbaita
cubbaita o giurgiulena


La cubbaita o giurgiulena è un croccante siciliano tipico di Natale, a forma di rombo o rettangolo, in cui l’ingrediente principale è il sesamo. Il nome deriva dall’arabo “Qubbiat” , ossia “mandorlato”, termine che nel dialetto siciliano è usato spesso anche come sinonimo di torrone.


Torrone di Tonara
torrone di tonara


Il torrone di Tonara, comune in provincia di Nuoro, in Sardegna, è tradizionalmente lavorato in grandi blocchi e prevede il solo utilizzo di albumi e miele sardo, arricchito con mandorle, nocciole o noci, senza zuccheri aggiunti. Il miele gli conferisce la caratteristica colorazione avorio.

Torna in alto